Firenze: no ai binari in Viale dei Mille. Raccolta firme. - Toscana Daily

Firenze: no ai binari in Viale dei Mille. Raccolta firme.

“La riqualificazione del Campo di Marte, anche con il nuovo stadio, non può passare dai binari in viale dei Mille. Bloccheremo gli 80 milioni destinati alla tramvia!” Il Consigliere regionale Paolo Marcheschi (Fdi) sta raccogliendo firme tra i residenti del Campo di Marte per bloccare il progetto e sta organizzando un incontro pubblico con tanto di flash mob.

“ Abbiamo raccolto già centinaia di firme contro il progetto della tramvia al campo di Marte. Non siamo contrari al trasporto pubblico ma vogliamo cambiare l’attuale progetto: non è pensabile spendere 250-300 milioni di euro per un’opera così invasiva da distruggere il verde pubblico, annichilire le attività commerciali della zona e veder scomparire centinaia di posti auto. I residenti di Campo di Marte la tramvia in viale dei Mille non la vogliono, così come non la vogliono quelli di viale Duse, via Malta e via Fanti -fa sapere il Consigliere regionale Paolo Marcheschi (Fdi)– La gente del quartiere non ha alcuna necessità di binari e treni che taglino i viali, non vogliono vedere desertificato il proprio quartiere come accaduto in via dello Statuto. Firenze ha bisogno che tali soldi vengano riversati su altre priorità, il commercio e le aziende messe in ginocchio dalla crisi innescata dalla pandemia. Intanto facciamo ripartire l’economia, questa è la priorità. Vogliamo bloccare gli 80 milioni che la Regione dà al Comune di Firenze per la tramvia, stiamo organizzando un incontro pubblico ed un flash mob con i residenti di Campo di Marte. Quelli del Comune di Firenze sono progetti che nascono vecchi, che non tengono conto delle reali necessità dei quartieri. Ci sono progetti meno impattanti e più economici ma evidentemente fa gola gestire appalti faraonici e cascate di soldi pubblici, come ha sempre fatto la Sinistra. Tutto il mondo sta investendo in reti (internet) per favorite smart working e ridurre il pendolarismo. A Firenze invece si ha ancora un’idea di sviluppo con progetti del secolo scorso. Esistono già binari e fermate, usiamoli!”.

Aggiornato il: 04-09-2020 16:23